Il latte di capra che aiuta le mamme con difficoltà ad allattare

Oggi vogliamo accompagnarvi alla scoperta di un luogo magico, tanto leggendario quanto reale: la patria di Capricare, il primo latte in formula a base di latte di capra.

La famiglia di Capricare

Capricare nasce nel 1984, nella regione di Waikato, in Nuova Zelanda, in una terra ricca, che profuma ancora di natura incontaminata e biodiversità. Nasce e cresce in una piccola famiglia, la Dairy Goat Co-operative (DGC), che con il passare degli anni si allarga sempre di più e, ad oggi, conta ben 72 allevatori indipendenti. La cooperativa è il modo ideale per assicurare una crescita sostenibile e il benessere dei piccoli produttori neozelandesi, che con dedizione si impegnano a produrre un latte di capra controllato e di altissima qualità.

A questo punto quello che manca è una nuova casa, dove ritrovarsi e accogliere Capricare: ecco allora che nelle immediate vicinanze delle fattorie sorge un impianto produttivo innovativo, che consente non solo di avere un prodotto freschissimo e realmente a km 0, ma anche di ridurre al minimo la lavorazione, per conservare il più possibile le proprietà nutritive del latte di capra (Scopri di più a riguardo).

La natura della Nuova Zelanda racchiusa in Capricare

Queste caratteristiche sono il risultato dell’ambiente in cui crescono gli stessi animali, una terra di rara bellezza, ancora vergine sotto molti aspetti, scelta non a caso per girare le trilogie cinematografiche del Signore degli Anelli e di Lo Hobbit, tratte dai libri di Tolkien.
La Nuova Zelanda – in lingua Maori “Aotearoa”, la “terra della lunga nuvola bianca” – è composta da due grandi isole e, grazie alla sua bassa densità di popolazione (16 abitanti per chilometro quadrato, secondo i dati ufficiali del 2014, contro gli oltre 200 dell’Italia), è del tutto esente dai problemi che affliggono gran parte del mondo, come l’inquinamento. Inoltre, può contare su pascoli pressoché illimitati, vanta una biodiversità fuori dal comune (che il Governo Nazionale si impegna a preservare con leggi particolarmente restrittive) e vive ancora secondo ritmi e consuetudini ormai sconosciute agli altri paesi occidentali.

Una scelta più consapevole e naturale per il tuo bambino

La Nuova Zelanda rimane un eden incontaminato a tutti gli effetti, garanzia di prodotti agro-alimentari di qualità elevatissima, in primis il latte di capra, che la Dairy Goat Co-operative raccoglie ogni giorno dai suoi allevatori per realizzare il latte artificiale in formula Capricare. Conoscerne la storia e le origini, aiuta a capire perché Capricare è la scelta migliore, sia in termini di nutrizione che di sostenibilità, nel momento in cui una mamma non può più allattare il proprio figlio (*). Perché, se da una parte è assolutamente vero che il latte materno rimane sempre la soluzione migliore per entrambi, è altrettanto vero che rispetto a quello di origine vaccina, il latte di capra in formula è più simile a quello materno e contiene tutti i nutrienti necessari per la crescita e lo sviluppo del bambino.

 

 

*In qualità di produttore responsabile di latte artificiale , DGC (Dairy Goat Co-operative (N.Z.) Ltd ), e il suo distributore Junia Pharma sostengono il Codice Internazionale sulla Commercializzazione dei Sostituti del Latte Materno e sostengono inequivocabilmente l’allattamento al seno come la migliore fonte di nutrimento per neonati e bambini.

Articoli simili

Autosvezzamento: è davvero così semplice come sembra?

Da qualche anno a questa parte si sente parlare sempre più spesso di autosvezzamento: quante mamme sono realmente informate sull’argomento, o meglio, quante riescono davvero a seguire correttamente questa pratica nella vita di tutti i giorni?   Cosa significa “autosvezzamento” […]

BDS: i controlli pediatrici da non mancare nei primi 12 mesi di vita

Durante il primo anno di vita del bambino, i neogenitori devono imparare non solo a prendersi cura di un neonato, ma anche a rispettare nuovi orari ed impegni, finora totalmente sconosciuti. Tra questi appuntamenti, i più importanti sono sicuramente i cosiddetti […]

Se una mamma smette di allattare al seno

Con oggi iniziamo una serie di approfondimenti che hanno come protagonisti la mamma, il suo piccolo e tutto il magico mondo che ruota attorno alla nascita e alla gestione di un neonato. Un periodo impegnativo quanto meraviglioso nella vita di […]