Il ferro in età pediatrica: dalla diagnosi alla terapia

La scorsa settimana si sono tenuti due nuovi focus riguardanti l’importanza dell’integrazione di ferro in età pediatrica, i quali hanno coinvolto l’Ospedale Santo Bambino di Catania e il Policlinico “G. Martino” di Messina.

 

La necessità di fare profilassi con un’integrazione di ferro in età pediatrica

Il primo incontro si è tenuto a Catania martedì 20 novembre e ha coinvolto i medici del reparto di Neonatologia e dell’Unità di Terapia Intensiva Neonatale. All’interno del corso “Anemia nel neonato: dalla diagnosi alla terapia” è intervenuta nel ruolo di moderatrice la Prof.ssa Giovanna Russo, direttrice del reparto di Oncoematologia Pediatrica del Policlinico di Catania.
Nello specifico, la discussione si è focalizzata sul tema dell’importanza del ferro in età pediatrica: partendo dai problemi legati all’assorbimento, è emersa chiaramente la necessità di effettuare un’integrazione di profilassi non solo nel caso di bambini nati prematuri, ma anche nei nati a termine. Questo in un’ottica di prevenzione della carenza nutrizionale di ferro e di una maggior attenzione nei confronti dello sviluppo del sistema cognitivo, nel quale il ferro gioca un ruolo fondamentale. I medici partecipanti hanno poi sottolineato anche l’importanza di evitare i rischi legati alla somministrazione di ferro per via endovenosa, preferendo l’impiego di ferro per uso orale, a maggior ragione in età pediatrica.

 

Integrare il ferro in età pediatrica: una vera emergenza nel caso di malattie renali o del sangue

Gli stessi risultati sono emersi a seguito di un incontro tenutosi a Messina mercoledì 21 novembre, al quale hanno partecipato i medici del reparto di Nefrologia ed Oncoematologia Pediatrica, introdotti dal Prof. Chimens, moderatore della discussione. In questo caso si è posta un’enfasi particolare sulla nuova formulazione orale, SiderAL® Gocce Forte, che potrebbe diventare uno strumento importante nei casi di carenza o ridotto introito di ferro, nonchè nei casi in cui i medici sono costretti a ricorrere ad una terapia a base di eritropoietina, che deve essere sempre affiancata da una corretta integrazione di ferro.

 

SiderAL®: uno strumento terapeutico efficace anche nei casi più sensibili

In questo contesto le caratteristiche di SiderAL®, l’unico complemento nutrizionale a base di Ferro Sucrosomiale®, sono state giudicate dai medici nettamente superiori rispetto ad altri prodotti a base di ferro. Come evidenziano le numerose pubblicazioni scientifiche in materia, i prodotti della linea SiderAL® presentano evidenti vantaggi, tra cui una maggior tollerabilità, biodisponibilità e compliance. In particolare, in ambito pediatrico risulta evidente la necessità di ricorrere a delle soluzioni non invasive e pratiche per poter integrare correttamente il ferro fin dai primi giorni di vita e per tutta la fase della crescita dei bambini.

Articoli simili

Allergie ai pollini: come difendersi dall’arrivo della primavera

Nonostante in questi giorni l’inverno si faccia ancora sentire, la primavera è ufficialmente iniziata. Questo significa giornate più lunghe e soleggiate, temperature in rialzo e tanta voglia di uscire e giocare all’aperto. Per molti bambini, però, purtroppo la primavera è […]

SiderAL® amplia la sua gamma per coprire il fabbisogno di ferro dalla nascita fino all’età adulta

Il ferro è il minerale più importante per il nostro organismo. Infatti è l’elemento presente in maggior quantità nel sangue e il componente principale dell’emoglobina. Il suo ruolo è tutt’altro che banale: il ferro è responsabile del trasporto di ossigeno […]

Back to school: affrontare il ritorno a scuola senza ansia e stress

Affrontare il ritorno a scuola dopo le vacanze non è semplice. Ecco qualche consiglio per evitare ansia, stress e disturbi del sonno legati alla sindrome da rientro.   Un nuovo anno scolastico è alle porte e dopo mesi di vacanza, […]