Seguire una corretta alimentazione da bambini per diventare adulti più sani

Dallo svezzamento in poi è importante abituare i bambini a seguire un’alimentazione sana, equilibrata e varia perché le preferenze ed esperienze gustative che si sviluppano da bambini possono condizionare le scelte alimentari della vita adulta.

Il fabbisogno energetico dei bambini

Il fabbisogno energetico (o calorico) rappresenta l’apporto di energia di origine alimentare di cui il nostro corpo necessita per compensare il dispendio di energia. Il fabbisogno energetico dei bambini è molto diverso da quello di un adulto, in quanto su di esso incidono fattori diversi:

  • La velocità di accrescimento corporeo: abbiamo visto precedentemente parlando della carenza di ferro nei bambini che solo nel primo anno di vita che il fabbisogno di minerali e nutrienti dell’organismo di un bambino raddoppia, a causa del rapido aumento di peso e volume corporeo. La fase più rapida della crescita dura fino al compimento del secondo anno.
  • Il metabolismo basale è particolarmente elevato: nei primi 12 mesi di vita circa l’85-90% dell’apporto calorico viene utilizzato dall’organismo dei bambini per il mantenimento delle funzioni basali e per la crescita, mentre solo 10-15% è riservato all’attività fisica.
  • La scarsa efficienza di assorbimento a livello intestinale.

A causa di questi fattori è chiaro che, in termini assoluti, i neonati hanno bisogno di un apporto energetico più elevato rispetto agli adulti.

 

 

La sana alimentazione inizia dallo svezzamento

Una volta iniziata la fase dello svezzamento, è importantissimo quindi iniziare già ad impostare le prime regole della buona e sana alimentazione. Nonostante le esperienze gustative del bambino abbiano inizio fin dalla nascita, attraverso il latte materno (che trasmette i primi sapori del cibo ingerito dalla madre), è proprio dallo svezzamento in poi che si sviluppano le preferenze alimentari del bambino, quelle stesse preferenze che tenderanno poi a condizionare le sue scelte alimentari nella vita adulta.
Diventa quindi fondamentale abituare i più piccoli ad alimenti vari e salutari il prima possibile, anche per evitare l’insorgere di carenze alimentari legate ad elementi nutrizionali fondamentali, come vitamine, minerali e ferro (ricorda che la sideropenia è il più frequente tra i disturbi da carenza alimentare nei bambini e non deve essere sottovalutata).

 

 

Gli elementi nutrizionali fondamentali per i bambini

Cosa non può mancare quindi nei pasti dei nostri bambini e ragazzi?

  • Frutta e Verdura: ad ogni pasto dovrebbe essere presente almeno una porzione di frutta e/o verdura. Inoltre, la frutta costituisce un’ottima merenda sia a metà mattina che durante il pomeriggio.
  • Carboidrati complessi: circa il 50% delle calorie giornaliere dovrebbe provenire da questo tipo di carboidrati. Un esempio perfetto sono i cereali, da variare spesso, quindi non solo pasta, ma anche riso, orzo, farro, avena, grano saraceno, cous cous.
  • Zuccheri (o carboidrati semplici): sarebbe preferibile limitarli al massimo in quanto già presenti naturalmente in tanti alimenti. Torte e biscotti vanno bene se consumati a colazione, ma sarebbero preferibili quelli fatti in casa. Evitare invece merendine confezionate, bibite gassate, caramelle, etc.
  • Proteine: come nel caso dei carboidrati è importante variare il più possibile, alternando carne, pesce, uova e legumi.
  • Grassi: in una dieta equilibrata non possono mancare, meglio però prediligere quelli di origine vegetale, come l’olio di oliva e la frutta secca.

Un’alimentazione sana, equilibrata e varia dovrebbe essere composta da circa il 55-60% di carboidrati, il 30% di grassi e dal 10-15% di proteine. Nonostante i bambini tendano ad essere ripetitivi nella scelta dei cibi, cercate di proporre loro alimenti differenti e non arrendetevi al primo rifiuto perché i gusti cambiano molto velocemente, un “non mi piace” oggi potrebbe essere la scoperta di un nuovo gusto domani.

Articoli simili

Primo congresso di aggiornamento in tema di nutrizione pediatrica

Lunedì 25 giugno si è svolto a Milano il primo congresso di aggiornamento in tema di nutrizione pediatrica organizzato da Junia Pharma in collaborazione con l’Ospedale San Paolo.   Gli interventi, coordinati dal Prof. Giuseppe Banderali, Primario di Pediatria dell’Ospedale […]

Carenza di ferro nei bambini: un fenomeno diffuso ma spesso sottovalutato

Il ferro è una sostanza fondamentale per l’organismo: oltre ad essere il minerale presente in maggior quantità nel sangue, svolge anche un ruolo importante per lo sviluppo fisico e cognitivo, soprattutto nel caso dei bambini durante la fase della crescita. […]

Seguire una corretta alimentazione da bambini per diventare adulti più sani

Dallo svezzamento in poi è importante abituare i bambini a seguire un’alimentazione sana, equilibrata e varia perché le preferenze ed esperienze gustative che si sviluppano da bambini possono condizionare le scelte alimentari della vita adulta. Il fabbisogno energetico dei bambini […]