In viaggio con i bambini: consigli per evitare lo stress e partire sereni

Le vacanze rappresentano un’occasione unica per vivere nuove esperienze e godersi il tempo con i nostri figli fuori dalla quotidianità. Senza organizzazione, però, un viaggio con i bambini può diventare fonte di stress e ansia…

 

La funzione pedagogica del viaggio

Non sono solo i genitori ad aver bisogno di una vacanza ogni tanto, ma anche per i più piccoli è importante poter iniziare a scoprire il mondo. Un viaggio rappresenta soprattutto un’occasione per imparare: grazie alle vacanze, bambini e ragazzi hanno la possibilità di evadere dalla routine, affrontare nuove sfide (siano esse piccole o grandi) e cominciare a scoprire il mondo esterno. Questo si traduce nello stimolo ad affrontare situazioni nuove ed impreviste senza paure e, pertanto, in un momento di crescita personale. Inoltre, la vacanza è un’occasione per il bambino per imparare a stabilire relazioni sociali al di fuori della propria cerchia ristretta di conoscenze.

Un viaggio con i figli è un momento importante anche per mamma e papà perché, al di là dello stress organizzativo, le vacanze contribuiscono a creare ricordi indelebili, che rafforzano i legami familiari e possono aiutare gli adulti a riscoprire il mondo attraverso gli occhi e la curiosità dei più piccoli.

 

Viaggiare con i bambini: l’organizzazione è fondamentale

Un viaggio con i bambini è meraviglioso, ma può rivelarsi un momento stressante e faticoso in mancanza di un’adeguata pianificazione. La parola d’ordine è organizzazione.

Che abbiate deciso di viaggiare in auto, treno, aereo o in nave è importante non esagerare con i bagagli. Quando prepariamo le valige ci sembra tutto strettamente necessario, ma in realtà molte cose possono essere acquistate una volta giunti a destinazione. Una scorta di un paio di giorni di pannolini e salviette ad esempio, sarà sufficiente per permettervi di partire in tranquillità e organizzarvi una volta arrivati. Se i vostri bambini invece sono più grandi, un’ottima soluzione è renderli responsabili della loro valigia. Dotateli di un piccolo trolley con le ruote che possano preparare da soli sotto la vostra supervisione: i bambini impareranno un po’ alla volta ad essere più autonomi e voi mamme avrete un pensiero in meno.

 

Intrattenimento durante il viaggio: come evitare noia e capricci

Avete preparato tutto e siete finalmente riusciti a partire. Dopo cinque minuti di viaggio, è molto probabile che i bambini inizino a chiedere quanto manca all’arrivo o comincino a fare i capricci. Prevedete quindi di distrarli, tenendo a portata di mano il loro gioco preferito, un album da colorare oppure un cd di canzoni da cantare insieme. Nel caso in cui i vostri figli siano ancora molto piccoli, prendete in considerazione l’idea di viaggiare di notte: per i genitori è sicuramente più stancante, ma loro potranno dormire e voi viaggerete tranquilli (evitando il rischio del traffico).

Con qualche accorgimento riuscirete ad arrivare a destinazione senza troppo stress, pronti a divertirvi e godervi il vostro meritato viaggio con i bambini.

Articoli simili

Allergie ai pollini: come difendersi dall’arrivo della primavera

Nonostante in questi giorni l’inverno si faccia ancora sentire, la primavera è ufficialmente iniziata. Questo significa giornate più lunghe e soleggiate, temperature in rialzo e tanta voglia di uscire e giocare all’aperto. Per molti bambini, però, purtroppo la primavera è […]

BDS: i controlli pediatrici da non mancare nei primi 12 mesi di vita

Durante il primo anno di vita del bambino, i neogenitori devono imparare non solo a prendersi cura di un neonato, ma anche a rispettare nuovi orari ed impegni, finora totalmente sconosciuti. Tra questi appuntamenti, i più importanti sono sicuramente i cosiddetti […]

Bambini sportivi: a che età iniziare e quale sport scegliere?

L’attività sportiva è fondamentale per far crescere i nostri bambini in modo sano e completo, sia dal punto di vista fisico che psicologico. Ma a quale età sarebbe meglio iniziare e, soprattutto, quale sport scegliere? Fino all’età scolare, l’attività deve […]