Neonato che dorme nel suo lettino

Quanto dorme un neonato?

Lo sviluppo del sonno infantile è un processo altamente dinamico che si verifica in parallelo e in interazione con la sua crescita cognitiva e fisica.

I cicli sonno/veglia dei neonati possono sembrare un mistero per i neo genitori, in particolar modo quando interferiscono con i loro ritmi! Questo potrebbe rappresentare una fonte di stress per i genitori alle prime armi e per i più piccoli. Una corretta informazione può aiutare entrambi a migliorare il proprio sonno. 

Indice dei contenuti:

Il sonno dei neonati e quello degli adulti

Negli adulti, i pattern del sonno sono prevedibili e coerenti e si basano principalmente su tre fattori o processi:

1.     Il processo circadiano, legato al ritmo giorno/notte che si ripete ogni 24 ore ed è controllato dall’orologio biologico interno: un meccanismo di ciclo sonno-veglia che non dipende dalle abitudini.

2.     Il processo omeostatico, permette di autoregolarsi e di mantenere in equilibrio il meccanismo sonno/veglia.

3.      Il processo ultradiano, legato all’attività ormonale e digestiva.

Il ciclo del sonno di un neonato, caratterizzato spesso dai i nostri piccoli che si svegliano e si addormentano a qualsiasi ora del giorno o della notte, se messo a confronto con quello dei genitori, potrebbe sembrare casuale. Una maggiore informazione sui cicli del sonno del bambino permette agli adulti di comprendere meglio le loro esigenze e di alleviare tensioni date da frustrazione, senso di impotenza, carenza di sonno o preoccupazioni.

La prima e fondamentale informazione che un genitore deve acquisire è che il sonno gioca un ruolo decisivo nello sviluppo cognitivo del bambino, per questo deve essere incentivato e tutelato.

Tornando alle differenze tra il sonno di un neonato e quello di un adulto, occorre specificare che la differenza è presente sia da un punto di vista quantitativo che temporale, bisogna soffermarsi quindi sul “quanto” e sul “quando”.

Nei casi più comuni e privi di particolari problematiche, gli adulti sani dormono almeno 7 ore ogni notte in modo continuativo per gran parte del tempo, mentre nei neonati si arrivo fino a 18 ore di sonno intervallate da brevi risvegli, ogni 24 ore. Fino ai 6 mesi, i bebè dormono in media circa 13 ore al giorno, per periodi di tempi anche più ampi.

È difficile, e molto raro, che un bambino dorma tutta la notte senza svegliarsi mai, e se succede consideratevi molto fortunati! Uno dei più grandi desideri delle mamme e dei papà è, infatti, quello di vedere il proprio piccolo dormire tutta la notte, ma queste sono convinzioni tradizionali innescate dalla necessità, comprensibile, di riposo degli adulti. Bisogna, invece, comprendere e accettare i ripetuti risvegli notturni dei bambini: è una cosa normalissima, in quanto non hanno ancora sviluppato completamente il ritmo circadiano.  

Un neonato inizia ad avere un ciclo sonno/veglia simile a quello di un adulto tra i 3 mesi e il primo anno di vita, periodo in cui i bambini iniziano ad andare a letto a un’ora precisa, a dormire per periodi più lunghi durante la notte e ad accorciare i sonnellini durante il giorno. Ma questo non accade sempre e non deve far preoccupare i genitori. Anche dopo i 12 mesi è del tutto normale che i bambini si sveglino almeno una volta a notte.

Com’è fatto il ciclo di sonno di un neonato

I ricercatori hanno identificato 2 fasi del sonno dei neonati fino ai tre mesi e 4 fasi nei neonati con età superiore.

I neonati trascorrono quasi la stessa quantità di tempo in fase REM e NREM mentre dormono. La fase REM, chiamata anche del “sonno attivo”, è caratterizzata da un movimento rapido degli occhi mentre sono chiusi, la fase NREM, o del “sonno tranquillo” corrisponde a quella fase in cui il movimento degli occhi non è rapido. Durante la fase REM le manine, le dita o le gambe dei neonati potrebbero sussultare o contrarsi e il loro respiro accelerare portando anche a dei lievi movimenti della bocca, è quello che spesso succede quando diciamo che “un neonato si agita nel sonno”; nella fase NREM il bambino è fermo e “abbandonato” a se stesso.

Una volta che un bambino ha raggiunto i tre mesi di età, inizia a sperimentare le stesse fasi del sonno che caratterizzano quello degli adulti. Gli adulti sperimentano quattro fasi distinte del sonno che includono tre fasi del sonno NREM (1,2,3) e una fase del sonno REM. Cerchiamo di capire meglio. 

Le prime due fasi del sonno degli adulti sono le più leggere (NREM 1 e 2), durante le quali è più facile che una persona possa essere svegliata; la terza fase del sonno (NREM 3) è la fase più profonda e, di conseguenza, quella in cui è più difficile portare la persona dal sonno alla veglia; la quarta fase del sonno è la REM, la fase in cui le persone sognano. Gli adulti sperimentano queste fasi nell’ordine sopra descritto. Ma cosa accade ai neonati oltre i 3 mesi?

Ricordiamo: a circa 3 mesi, il neonato inizia a sperimentare le 4 fasi di sonno degli adulti che comprendono 3 fasi NREM e 1 fase REM.

Sebbene i bambini inizino a sperimentare le quattro fasi del sonno “adulto” già intorno ai tre mesi, è solo verso i 5 anni che iniziano a rispecchiare l’”architettura del sonno” dei grandi. I bambini, infatti, sperimentano una breve fase REM subito dopo essersi addormentati, mentre gli adulti dovranno dormire per circa 90 minuti prima che essa si inneschi.

Secondo i ricercatori, nei primi mesi di vita il sonno dei bambini si suddivide egualmente tra le fasi del sonno REM e quelle del sonno NREM. Sarà la crescita a regolarizzare il loro sonno e a far trascorrere meno tempo nella fase REM e a sperimentare le 3 fasi di NREM avvicinandosi sempre più al ciclo di sonno degli adulti…per la loro gioia!

Quanto dorme un neonato di pochi giorni?

I piccoli appena nati, possono dormire fino a 18 ore alternando il sonno diurno con quello notturno, ricordiamo che non hanno ancora consolidato il ritmo circadiano. I genitori, quindi, non devono preoccuparsi eccessivamente se il loro piccolo “dorme troppo”, basterà chiedere maggiori informazioni al proprio pediatra per essere più tranquilli. Ma quindi, quante ore di fila può dormire un neonato di pochi giorni? È possibile che un neonato nei suoi primi giorni di vita possa dormire anche per 4-5 ore di fila. Nelle prime settimane di vita l’unica discriminazione possibile delle fasi del sonno è tra veglia, sonno attivo (REM) e sonno tranquillo (NREM).

 Tabella del sonno dalla nascita ai 4 anni

Condividiamo una tabella indicativa delle ore di sonno dei neonati e dei bambini fino ai 4 anni, basata sulle informazioni fornite dalla Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale (SIPPS). La tabella ha uno scopo esemplificativo, non deve rappresentare uno schema per i genitori.

EtàOre
Dalla nascita a tre mesi16-17 ore su 24, oppure solamente 8. Il suo sonno dipende dal numero di pasti che fa sia durante il giorno che durante la notte. Altre variabili che possono influire sulla durata del sonno sono la sensazione di troppo caldo o di troppo freddo.
Da tre a sei mesiIl bambino crescendo diminuisce la frequenza dei pasi, soprattutto durante la notte, questo porta a un allungamento dei periodi di riposo. Alcuni bambini dormiranno per circa 8 o più ore per notte.
Da 6 a 12 mesiI pasti notturni diminuiscono gradualmente fino a scomparire. Alcuni bambini potrebbero dormire anche fino a 12 ore consecutive.
A 12 mesiIn questa fase, i bambini dormono per un totale di circa 12-15 ore.
A 2 anniÈ molto probabile che i bambini di due anni riescano a dormire per 11-12 ore per notte, accompagnati da 1 o 2 pisolini durante la giornata.
A 3-4 anni  In media, i bambini di tre-quattro anni hanno bisogno di 12 ore di sonno. Per alcuni sono sufficienti solo 8-10 ore per altri invece 14. Alcuni bambini potrebbero aver bisogno anche di 1 pisolino durante il giorno.

È importante comprendere i meccanismi del sonno dei neonati ma anche aiutare il bambino a trovare e sperimentare il proprio ciclo. Potrebbe essere utile in questo senso decidere quando è l’ora di andare a dormire e mantenere una routine per tranquillizzare i propri piccoli e dar loro dei punti di riferimento nella scansione dei tempi della giornata. Non c’è uno studio che indichi con chiarezza quanto e per quanto tempo deve dormire un neonato, perché, come abbiamo detto più volte, ogni bambino è diverso da un altro: ci sono neonati che dormono per 12 ore a notte e altri che dormono 16 ore al giorno, con intervalli.

Tutelate anche la vostra salute, se avete bisogno di riposare fate a turno con il vostro partner o lasciatevi aiutare da un componente della famiglia o da una persona vicina. 

Questo articolo, seppur basato su studi scientifici, non deve intendersi come sostituto del parere di un professionista.

Fonti:

https://www.sleepfoundation.org/baby-sleep/baby-sleep-cycle